Perché complichi il tuo modo di pensare?

Ecco un koan meraviglioso – “Un koan è una sorta di problema che, nello Zen Soto, il maestro assegna ai discepoli e la cui soluzione non può essere trovata intellettualmente, bensì intuitivamente…”. 
BsB-59TCcAEn_Oe
                                                                      Fonte immagine

Un maestro offrì al suo discepolo un melone.

« Come ti sembra? » gli domandò. « Ha gusto? »

« Oh, sì! Un gusto squisito! » rispose il discepolo.

Il maestro gli pose allora questa domanda:

« Dov’è il gusto, nel melone o nella lingua? »

Il discepolo rifletté e si addentrò nei meandri di un complesso ragionamento:

« Il sapore deriva dell’interdipendenza, non solo tra il gusto del melone e

quello della lingua, ma anche dall’interdipendenza tra…»

« Stolto! Tre volte stolto! » lo interruppe il maestro, in un impeto d’ira.

« Perché complichi il tuo modo di pensare? Il melone è buono.

Basta questo per spiegarne il gusto. La sensazione è buona.

Di altro non c’è bisogno ».


51fuhpcs7l-_sx325_bo1204203200_Tratto dal testo

La tazza e il bastone. 111 storie zen narrate dal maestro Taisen Deshimaru

Tu cosa ne pensi?

Può una storiella zen essere d’ispirazione e “aprire gli occhi”?

Io dico di sì.  E tu?

Lascia qui sotto un tuo commento.

 


nick-murdacaAncora una cosa: se questo articolo ti è stato utile, e credi possa esserlo a qualcun altro, condividilo attraverso i pulsanti social.
A tua discrezione ;-)


 

Annunci

8 pensieri su “Perché complichi il tuo modo di pensare?

  1. Pingback: Musica: come meditazione e medicina per la mente | Energie come usarle

  2. rosalbadeamicis

    Ciao Nick…sì, è utile la storiella ed è utile complicarsi il modo di pensare. Se il discepolo non avesse scatenato l’ira del suo maestro ora non saprebbe la differenza tra l’immediatezza della semplicità e i meandri del ragionamento complicato. Io penso che il maestro la domanda gliel’abbia fatta sapendo già cosa sarebbe successo. Ma spiegare a qualcuno di non complicarsi la vita è molto diverso (e meno efficace aggiungerei ) che farglielo capire con l’esperienza.
    Io trovo che il melone, sopratutto quello arancione, quando maturo – è ovvio!- sia una frutta davvero gustosa 😉!

    Liked by 2 people

    Rispondi
  3. Pingback: bla bla blogger 1 ottobre 2015 - Social-Evolution di Paola Chiesa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...