Come un piccolo stratagemma può aiutarti a ritrovare la calma

L’articolo precedente, nel quale anticipavo l’argomento sull’importanza dell’osservazione , ha dato il via a questo post, in cui voglio consigliarti uno stratagemma molto efficace, utile e semplice da applicare.

La differenza è che, in questo caso, tutta l’attenzione non deve essere rivolta a noi stessi ma a quello che abbiamo intorno.

ZSG_-_Linth_2010-08-29_17-23-08Osservare è come infilarsi un salvagente quando il mare è agitato

Nel momento in cui senti il bisogno di rilassarti, fai ricorso all’espediente che ora ti spiegherò.

Fissa un punto di riferimento

Mentre cammini cerca un punto di riferimento davanti a te:

  • una panchina
  • un lampione
  • un’insegna
  • un albero
  • una statua
  • uno scoglio
  • una fontana

All’inizio sceglilo vicino

Focalizzando l’attenzione sul punto che hai scelto, ti sarà più facile distogliere la mente dai cattivi pensieri e ti sentirai meglio.

Leggi anche: Tecniche di rilassamento veloce

Questo è un piccolo espediente che ti permette di restare nel presente e riuscire a rilassarti. E come vedi non richiede una particolare maestria: solo un po’ di attenzione.

 Tu che cosa ne pensi? Lascia qui sotto un tuo commento.


nick-murdacaOps! Ancora una cosa: se questo articolo ti è stato utile, e credi possa esserlo a qualcun altro, condividilo attraverso i pulsanti social.
A tua discrezione ;-)


 

Immagine in evidenza: Wikipedia

 

Annunci

24 pensieri su “Come un piccolo stratagemma può aiutarti a ritrovare la calma

  1. Mr.Loto

    Penso che sia un buono stratagemma; focalizzarsi sul “qui ed ora”, anche quando per riuscirci è necessario concentrarsi su un oggetto, è l’unica via d’uscita che si ha quando si è in preda ai pensieri negativi.
    Un saluto.

    Mi piace

    Rispondi
    1. nickmurdaca Autore articolo

      Ti ringrazio. Il senso è proprio quello. Non sempre è possibile governare i nostri pensieri, specialmente quelli negativi e assillanti. Lo stratagemma rende tutto più facile. Bisogna solo applicarsi e avere un po’ di fiducia. Il resto verrà da sé.
      Ciao, e grazie ancora per il commento.

      Mi piace

      Rispondi
    1. nickmurdaca Autore articolo

      Grazie Surya, per l’apprezzamento!

      È vero, talvolta si fa davvero fatica ma, credimi, è una tecnica facile, facile. La prima volta che ho applicato questo stratagemma stentavo a credere all’immediatezza dei suoi benefici. :-)

      Mi piace

      Rispondi
  2. Claudia Lemmi

    Ciao Nick!
    Questo semplice e utile esercizio lo utilizzo dai tempi delle scuole superiori. Non lo avevo mai visto come un modo per rilassarmi, ma piuttosto per non annoiarmi. Ai tempi i ponevo obbiettivi man mano che camminavo per passare il tempo nel tragitto fermata autobus – casa. In ogni caso è vero, pensandoci quando lo pratico allontano anche le preoccupazioni, almeno per qualche momento!

    Mi piace

    Rispondi
    1. nickmurdaca Autore articolo

      Ciao Claudia,
      effettivamente, i benefici possono essere molteplici e in rapporto alla persona che se ne serve. Il fatto che utilizzi lo stratagemma fin da studente – e il motivo per cui lo applicavi – conferma la sua versatilità. Non di meno il tuo spirito creativo ;-)

      Mi piace

      Rispondi
  3. Pingback: Energie come usarle | Energie come usarle

  4. Pingback: Perché le tecniche di rilassamento da sole non bastano | Energie come usarle

  5. Pingback: Rallentare il corpo per rilassare la mente | Energie come usarle

  6. Pingback: Parlare con consapevolezza: una questione di ritmo | Energie come usarle

    1. nickmurdaca Autore articolo

      Ti ringrazio Gloria per le tue bellissime parole di apprezzamento! Sono perfettamente d’accordo con quanto hai scritto, e aggiungo che la consapevolezza del “Qui e ora” è un’autentica sintesi di tutte le nostre energie: fisiche e mentali. Grazie per la passionale e quasi folle condivisione :-)

      Mi piace

      Rispondi
  7. Pingback: Dietro ogni grande ragionamento, c’è una grande intuizione | Energie come usarle

  8. fabio16

    mi hai salvato
    è quello che cercavo da tempo ma che avevo dimenticato come si facesse
    questo significa seguire con attenzione le cose
    praticamente osservavo i pensieri le azioni eccetera ma rimanevo sempre ad un punto fermo cioè le spirali di depotenziamento
    il circolo vizioso dialogo interiore-emozioni
    ora mi è tutto più facile

    Liked by 1 persona

    Rispondi
    1. Nick Murdaca Autore articolo

      Ciao Fabio, sono felice che tu abbiamo ritrovato quello che cercavi.
      A volte, capita di dimenticarsi di una soluzione che in passato ci è stata utile. Un po’ perché si sperimenta altro, un po’ perché non ne sentiamo più l’impellente bisogno. La consapevolezza che emerge dalle tue parole dimostra che hai volontà e un alto spirito di osservazione. Complimenti!
      Grazie per essere passato e di aver condiviso la tua esperienza.

      Mi piace

      Rispondi
  9. Pingback: I tre pilastri del genio creativo: semplicità, semplicità e semplicità | Energie come usarle

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...